Governance decentralizzata

Governance decentralizzata: come mettere il potere nelle mani delle persone?

La governance decentralizzata garantisce stabilità, responsabilità e continuità nelle reti crittografiche. Toglie anche potere alle autorità centralizzate e lo consegna alla comunità.

Poiché la criptoeconomia continua a crescere ed evolversi, la governance decentralizzata svolge un ruolo sempre più critico poiché l’industria si sposta gradualmente da centralizzata a decentralizzata.

Governance decentralizzata

Nelle reti blockchain distribuite, la governance decentralizzata è un requisito essenziale.

Affinché una rete crittografica possa raggiungere il suo scopo, richiede un robusto protocollo di consenso supportato da una comunità di partecipanti sufficientemente ampia e distribuita in grado di garantire la sicurezza e la continuità della rete. Questo può, ad esempio, assumere la forma di minatori in protocolli di prova di lavoro o validatori in reti di prova di palo.

Sulla blockchain

Per le blockchain più serie, le modifiche a livello di protocollo devono essere approvate dai partecipanti alla rete e passare attraverso un processo di verifica prima dell’implementazione.

Il processo BIP di Bitcoin è un ottimo esempio di come la governance on-chain possa funzionare in modo efficace. Le modifiche proposte al codice di Bitcoin vengono accuratamente esaminate e implementate solo se essenzialmente l’intera comunità accetta di eseguire il codice aggiornato sui propri nodi Bitcoin.

Fuori blockchain

Oltre alla governance on-chain, la governance decentralizzata può anche essere off-chain. Un esempio di governance off-chain sarebbe il voto basato sulla comunità su come dovrebbe procedere un progetto o quali sviluppi dovrebbero essere prioritari.

Il voto off-chain consente una maggiore partecipazione degli utenti e non richiede a nessuno di pagare le commissioni di transazione, come avviene in genere per il voto on-chain.

La governance on e off-chain può anche essere combinata consentendo il voto off-chain con conseguenze on-chain. Ad esempio, sulla piattaforma di voto off-chain, Snapshot, gli utenti di protocolli diversi possono votare proposte che possono poi essere eseguite per conto della comunità da membri fidati della comunità tramite transazioni multisig.

Abbiamo assistito a molte innovazioni nell’area della governance distribuita provenienti dalla comunità cripto negli ultimi dieci anni. Sebbene non tutte le forme resistano alla prova del tempo, l’aspetto promettente degli esperimenti in corso è che l’ethos di eliminare gli intermediari e consegnare il potere alle persone rimane.

Una mossa a livello di settore verso il decentramento

La maggior parte delle reti crittografiche e delle applicazioni decentralizzate sono ancora, per la maggior parte, affari in gran parte centralizzati.

Il tipico progetto blockchain inizia in modo centralizzato, spesso gestito da una società sostenuta da VC o da una fondazione finanziata dalla vendita di token, e poi si sposta gradualmente lungo lo spettro da centralizzato a più decentralizzato.

L’obiettivo generale in questo settore è costruire sistemi distribuiti in grado di eseguire protocolli autonomi dettati dal codice e dalla comunità, non da un’autorità centralizzata.

Per renderlo realtà, è essenziale una governance decentralizzata.

Per le applicazioni decentralizzate e le startup crittografiche, la governance decentralizzata si presenta principalmente sotto forma di una comunità di titolari di token che votano sulle proposte.

L’economia digitale decentralizzata del futuro

A volte le persone dimenticano quanto siamo ancora in anticipo in questo movimento. Bitcoin ha solo poco più di un decennio, mentre le DApp appena cinque anni.

Stiamo ancora vedendo solo un assaggio di ciò che è possibile in termini di creazione di un’economia digitale decentralizzata che possa portare più libertà e prosperità al mondo.

Man mano che lo sviluppo e l’adozione di tecnologie decentralizzate continuano, continueremo a vedere una maggiore innovazione nell’area della governance decentralizzata poiché i protocolli autonomi che non hanno “sovrano” richiederanno alle loro comunità di garantire una governance adeguata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.