I coltelli di cui ogni cucina ha bisogno

I coltelli di cui ogni cucina ha bisogno

I coltelli da cucina affilati sono tra gli strumenti più basilari e importanti che ogni cuoco domestico dovrebbe possedere. Se hai mai visto uno chef al lavoro, probabilmente hai visto i molti tipi di coltelli che tengono a portata di mano. Dai minuscoli coltelli da cucina alle enormi mannaie, ognuno di loro sembra avere il proprio lavoro, ma quanti di questi coltelli sono davvero necessari in una cucina casalinga?
Questa semplice guida riduce l’elenco a soli sei tipi di coltelli da tenere in cucina.

6 tipi di coltelli da tenere in cucina

Con queste lame di base a portata di mano, puoi preparare qualsiasi cosa, da una semplice cena in famiglia a un pasto di cinque stelle.

Il coltello dello chef

Ci sono così tanti usi per un coltello da chef, che viene spesso definito lo strumento più importante in cucina. Sebbene non sia l’ideale per tutti i lavori, è un potente multitasker in grado di gestire con facilità tagliare, affettare, tagliare a cubetti e tritare.

Cerca un coltello da chef con una lama lunga da otto a dieci pollici e curva verso l’alto fino a una punta appuntita. Questa curva viene definita “pancia” e consente un facile movimento a dondolo che rende tutto ciò che affetta e taglia a dadini molto più fluido.

Il coltello Santoku

Il coltello Santoku è un coltello multiuso giapponese, ottimo anche per tagliare le verdure, affettare il pesce e altre attività di cucina generali. È più corto di un coltello da chef – lungo solo da cinque a sette pollici – e non ha il peso che rende i coltelli da chef perfetti per grandi lavori o ingredienti duri come patate dolci, zucchine e altre zucche, ma il Santoku ha altre caratteristiche che renderlo una cucina essenziale.

Il coltello Santoku è più piccolo e leggero rispetto a un coltello da chef, il che lo rende un’ottima scelta per i cuochi con mani piccole. Presenta anche un bordo Granton o “smerlato” che consente a minuscole sacche d’aria di entrare tra la lama e gli ingredienti per evitare che si attacchino tra ogni fetta.

Quando si tratta di utilizzare questo coltello da chef in stile giapponese, ci sono alcune differenze nel metodo di taglio rispetto al tradizionale coltello da chef in stile occidentale, quindi è meglio avere una buona padronanza su come usare ogni coltello per ottenere il massimo di quello che hanno da offrire.

Il coltello da cucina spelucchino

Mentre ci sono molti usi per un coltello da cucina, è usato quasi esclusivamente per piccoli frutti, verdure e lavori dettagliati. Con una lama sottile e corta che misura solo pochi pollici (di solito da due a quattro), non è un buon candidato per tagliare o tritare oggetti più grandi, ma è perfetto per ingredienti più piccoli come aglio e scalogno. È anche ottimo per sbucciare frutta e verdura, segmentare gli agrumi, mondare le fragole, sventrare i gamberetti e incidere pane, torte e carne.

Il coltello multiuso

Da non confondere con un coltello multiuso tascabile, il coltello multiuso da cucina atterra da qualche parte tra lo spelucchino e il coltello da chef in termini di dimensioni. La lama può misurare ovunque da quattro a sette pollici di lunghezza e, sebbene sia costruita per un lavoro più leggero del coltello da chef, ha una forma simile e costituisce un eccellente strumento multiuso.

Un coltello multiuso è l’ideale per tagliare frutta e verdura di medie dimensioni, come limoni, lime, cetrioli, zucchine e zucchine. È anche un ottimo candidato per affettare carni e formaggi per un tagliere di salumi, pomodori per insalate e panini (ciao BLT) e per affettare a metà panini, bagel e altri prodotti di pane.

I coltelli da cucina, insieme ai coltelli da bistecca, sono spesso dotati di un bordo seghettato basato sull’idea sbagliata comune che questo tipo di coltello sia un must per affettare pomodori, pane e carne. Ma a dire la verità, un taglierino a filo dritto può fare questi lavori lo stesso, se non meglio, purché sia ​​affilato!

Il coltello per disossare

Per gli amanti della carne, il coltello per disossare è un must assoluto. La lama sottile e ricurva ha spesso un po’ di flessione, rendendo più facile tagliare più vicino alle ossa e separare la carne in modo pulito senza perdere troppa carne. È perfetto anche per tagliare delicatamente il grasso, mentre la sua punta sottile consente di rompere facilmente la cartilagine delle articolazioni. Alcuni fornai professionisti preferiscono anche usare un coltello per disossare per scolpire torte, tortine e tagliare l’impasto per biscotti in forme.

I coltelli per disossare sono talvolta confusi anche con i coltelli da filetto, che sono designati per lavorare con il pesce. Ma in realtà scoprirai che alcuni coltelli sono progettati come un incrocio tra un coltello per disossare e un coltello da filetto (come quello che troverai qui a F.N. Sharp per darti il ​​meglio di entrambi i mondi in un coltello.

Il coltello da pane

Il nome qui è un po’ improprio. Con la sua lama seghettata da otto a dieci pollici, un coltello da pane fa un lavoro spettacolare di affettare tutti i tipi di pane, ovviamente, ma ha molti altri usi in cucina.

Quando si tratta di cuocere, il coltello da pane è lo strumento perfetto per livellare le torte, poiché la sua lama lunga può tagliare un intero strato in un solo passaggio. È anche un ottimo candidato per cibi grandi e dalla pelle spessa come meloni, zucche e altre verdure autunnali dure. Le dentellature sulla lama ti consentono di tagliare facilmente la pelle dura senza applicare troppa pressione, mentre la lunghezza della lama ti consente per tagliare fette uniformi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.